Giacomo Onlus e la ricerca
Dona il 5 per 1000 all'Associazione Giacomo Onlus

p-glicoproteina antichemioresistenza - Una nuova tattica per sconfiggere i tumori

LONDRA 19 FEB 2005 - Un gruppo di ricercatori britannici ha trovato una potenziale nuova tattica per sconfiggere i tumori, ossia quella di soverchiare il `portiere molecolare` delle cellule cancerogene che impedisce ai farmaci di agire.
Gli scienziati della Ricerca contro il Cancro Britannica hanno scoperto che rendendo inabile una molecola conosciuta come P-glicoproteina e` possibile lasciare che altri farmaci continuino la loro opera contro il cancro riuscendo a curare tumori interi.
Questa molecola aiuta le cellule cancerogene a resistere alle cure agendo da `buttafuori molecolare` e rigettando farmaci anti-cancerogeni prima che possano agire. Questo fenomeno puo` anche accadere dopo un iniziale effetto benefico della chemioterapia provocando una ricaduta nei pazienti.
Gli scienziati sapevano gia` che il farmaco XR9576 riusciva a bloccare la molecola P-glycopproteina e a sensibilizzare le cellule alla chemioterapia, ma non sapevano che poteva funzionare per curare tumori interi.`
`Sapevamo che la P- glicoproteina si trova in grandi quantita` nei tumori , ma non sapevamo quanto questa molecola fosse importante per la resistenza dei tumori ai farmaci`` ha spiegato Richard Callaghan coordinatore dello studio che ha pubblicato la scoperta sul giornale scientifico European Jornal of Cancer.
Per il momento l`effetto del farmaco XR9576 e` solo stato studiato su modelli di tumore cresciuti da cellule in laboratorio. I ricercatori hanno creato due diversi blocchi di cellule, il primo con grosse quantita` di P-glicoproteina e il secondo con quantita` piu` basse ed hanno poi utilizzato due diversi farmaci chemioterapeutici: il vinblastine e il doxorubicine.
Il blocco di cellule con basse quanta` di P-glicoproteina erano sensibili ad entrambe i farmaci mentre le cellule del primo blocco si sono rivelate 20 volte piu` resistenti al doxorubicine e 300 volte piu` resistenti al vinblastine. Gli scienziati hanno poi pre-trattato con il farmaco XR9576 entrambe i blocchi di cellule spogliandole della loro resistenza alla chemioterapia e rendendole cosi` vulnerabili al trattamento.